26 Novembre 2016

PAOLO PORTA 3

Possibilità, come sempre, di prenotare per il DINNER IN JAZZ (tavolo per cena e spettacolo) lasciando un messaggio allo 011882939 o sul form apposito del sito internet www.jazzclub.torino.it

Paolo Porta 3 si è formato nei primi anni Novanta. Tre musicisti, forti di esperienze importanti, radicati nella tradizione ma attenti al presente, si uniscono in un insieme coeso, in costante equilibrio tra composizione e improvvisazione. Artisti che hanno solide radici nel linguaggio della musica afro-americana e una profonda conoscenza della tradizione di questo organico essenziale e nello stesso tempo vivono la musica nel presente, superando i confini tra I generi.

La formazione presenta “Beginner’s State of Mind”, la sua prima uscita discografica prodotta dall’etichetta Slam Records.

Sax: PAOLO PORTA

Contrabbasso: LUCA CURCIO

Batteria: ALESSANDRO MINETTO

Paolo Porta. Ottiene una borsa di studio e frequenta il Berklee College of Music a Boston nel 1990/91 dove studia con George Garzone. Dal ’91 ad oggi ha ottenuto numerosi riconoscimenti e vinto premi di prestigio e si è esibito in club e festival in Europa,Usa, Medio Oriente, Brasile. Tra gli altri ha suonato in concerto con: Antonio Faraò, Stefano Battaglia, Steve Grossman, Carla Bley, Steve Swallow, Flavio Boltro, Steve Coleman, Salvatore Bonafede, M. Pia De Vito, Antonello Salis, Paolo Fresu, Nguyen Lè, Roberto Gatto, Pietro Tonolo, Danilo Rea. Svolge attività didattica dal 1993; ha collaborato con il Conservatorio Giuseppe Verdi di Torino e come interprete con il Berklee College of Music di Boston. Ha all’attivo due cd a proprio nome e come sideman ha partecipato all’incisione di decine di album.

Luca Curcio. Diplomatosi al conservatorio Giuseppe Verdi di Torino, nel 2015 si trasferisce a Copenhagen dove studia presso il Rytmisk Musik Konservatorium. Ha frequentato seminari con Stefano Battaglia, William Parker, Herb Robertson, Jon Balke, Tyshawn Sorey e Ben Allison. Ha collaborato con molti artisti di fama internazionale come: Andy Sheppard, Jon Balke, Patrice Heral, William Parker, Eugene Chadbourne, Kresten Osgood, Dimitri Mospan, Jesper Thilo, Ben Allison, Joel Holmes, Alessandro Lanzoni, Fabrizio Bosso, Emanuele Cisi e Dado Moroni. Si è esibito in clubs e festival di tutta Europa, Turchia, Russia e Tunisia, tra cui: Torino Jazz festival, Piacenza Jazz, Nuoro Jazz in Italia, Copenhagen Jazz Festival, Vinterjazz and Mooment in Danimarca, Jazzblag in Polonia e Verbier festival in Svizzera.

Alessandro Minetto. Dal ’94 ad oggi, si è esibito in Olanda, Brasile, Viet Nam, Francia, Inghilterra, Germania, Austria, Turchia, Svizzera, Etiopia, Albania e in tutt’italia in numerosi festival tra i quali: Il London Jazz Festival, Il Jvc Festival di Torino, Ha-Noi European Jazz,Eurojazzfestival, Terninjazzfest per citarne alcuni, e in numerosi club europei di prestigio tra cui Il Ronnie Scott’s di Londra, Il Duc Des Lombardes di Parigi e il Bimhuis di Amsterdam. Si è esibito in concerto con molti musicisti di fama internazionale tra cui: Lee Konitz, Ronnie Matthews, Bud Shank, Benny Golson, Steve Grossman, Michelle Hendrix, Bruce Forman, Larry Shneider, Rob Sudduth, Terrell Stafford.

RECENSIONI

“Paolo Porta guida il classico trio sax-basso-batteria, di solito piuttosto insidioso, con classe e aplomb. Possiede un suono caldo e pieno che impiega in maniera estremamente melodica con il supporto agile del team composto da Maiorino e Minetto. Non ci sono parole per descrivere la bontà di questo disco”. George Harris (www.jazzweekly.com)

“un album entusiasmante in cui c´è del grande jazz. All´interno di quello che è il modern mainstream odierno i tre si fanno notare per le tante positive qualità”. Vittorio lo Conte ( www.musiczoom.it)

14 Ottobre 2016

NATALIA SKVORTSOVA

Possibilità, come sempre, di prenotare per il DINNER IN JAZZ (tavolo per cena e spettacolo) lasciando un messaggio allo 011882939 o sul form apposito del sito internet www.jazzclub.torino.it

 

Natalya Skvortsova è una pianista jazz, esperta compositrice, arrangiatrice, docente, leader del collettivo “Live People Ensemble” e esponente di spicco del Nuovo Jazz Russo”. (Rolling Stone Magazine)

 

Biografia:

Nata a Mosca nel 1974, Natalya Skvortsova si è laureata all’Università Statale di Mosca per le Arti e la Cultura. E’ fondatrice, membro, autrice e co-autrice dei progetti Live People Ensemble, Post-Jazz Trio, Fusion Port, Beyond the Horizons e InNa. Ha collaborato con Emanuele Cisi, Accordi Disaccordi, Andrea Beccaro, Asketics, Dmitry Mospan, Mir Station, Mike Ellis, C.L.O.N.E., Sergey Manukyan e molti altri. Appare regolarmente a festival come Saulkrasti Jazz, Usadba Jazz, Jazz Koktebel, Leo Records, Radio 1jazz.ru, Gnesin Jazz e altri.

 

Live People Ensemble, la musica:

Articolata, sorprendente, immaginifica, onirica, viscerale. La musica del Live People Ensemble, in cui si fondono tradizione russa, improvvisazione contemporanea e groove profondo, è originale, sincera, riflessiva e ispirata.

 

Io, la Musica Russa e l’Improvvisazione”

Molti anni fa mi resi conto di conoscere molto bene il jazz americano ed europeo, ma di non sapere pressochè niente su come i musicisti della mia nazione avessero arricchito, o potessero arricchire, il jazz con la loro cultura. Avevo ovviamente studiato i grandi compositori classici (e l’importanza delle loro opere) come Tchaikovsky, Rachmaninoff, Stravinsky e Shostakovich, che, a loro volta, avevano esplorato l’identità e la filosofia russa sulle tracce di geni come Tolstoj, Dostoevsky, Bulgakov, Cechov. A un certo punto mi resi conto che il jazz e la cosiddetta anima russa avevano molto in comune. Contemporaneamente continuai le mie ricerche sull’improvvisazione jazz e lo studio dei linguaggi musicali moderni. Da allora il mio scopo è stato quello di trovare un modo di fare musica che conciliasse tutte queste tradizioni e questi concetti, Musica Russa con Improvvisazione. Ho fondato il mio gruppo, “Live People Ensemble”, a Mosca nel 2005. Suoniamo principalmente mie composizioni e alcuni standards del jazz riarrangiati in modo particolare. Registriamo per Fancymusic, un’etichetta indipendente dedita alla musica contemporanea originale. Nel 2013 abbiamo pubblicato i primi due album (“The Movement” e “The New Cities”); verso la fine del 2015 è uscito il terzo cd, intitolato “Planes”, che è stato accolto con grande favore e interesse dalla critica ed incluso nella lista di album del 2015 da Europe Jazz Media. Sono sicura che la nostra musica, raffinata e profonda, non possa lasciare indifferente gli appassionati di jazz contemporaneo”.

 

Articoli/recensioni:

http://rollingstone.ru/articles/music/across_the_universe/17694.html — “ROLLING STONE magazine”;
http://www.farfrommoscow.com/articles/o-bogussevich-live-people-r-stolyar-and-v-luchansky.html — “Far From Moscow” magazine;

http://1jazz.ru/2013/11/live-people-quartet-new-cities-2013/ — Victor Radzievskiy, “Radio 1jazz.ru“;
http://journal.jazz.ru/2014/02/13/jazz-art-club-one-night/ – Ivan Nikitin (Jazz.Ru Magazine)

Contacts:

Facebook – https://www.facebook.com/nataliaskvortsovajazz/

Director tel – +7 967 171 2899 florents@yandex.ru (Victor Radzievskiy)

Email – livepeopleband@gmail.com