10 Febbraio 2017

TESSAROLLO – MORONI DUO

Possibilità, come sempre, di prenotare per il DINNER IN JAZZ (tavolo per cena e spettacolo) lasciando un messaggio allo 011882939 o sul form apposito del sito internet www.jazzclub.torino.it

Pianoforte: DADO MORONI

Chitarra: LUIGI TESSAROLLO

Dado Moroni e Luigi Tessarollo ci accompagnano in un viaggio virtuale nel magico repertorio dell’American Songbook, interpretando le composizioni più belle e indimenticabili di personaggi come George Gershwin, Duke Ellington, Cole Porter, Richard Rodgers, Jerome Kern, Irving Berlin e altri.

Questi capolavori sono filtrati attraverso le personali esperienze dei due artisti, con il risultato di un mix fresco, attuale e imprevedibile, come nella migliore tradizione dell’improvvisazione jazzistica.

Dopo il notevole successo a dicembre del concerto di Tessarollo e Moroni per Umbria Jazz Winter a Orvieto, a marzo 2017 uscirà il recente lavoro discografico “Talking strings” per l’Abeat Records.

Prezzo: 10 euro

9 Febbraio 2017

STEFANO CALCAGNO QUARTET – SPECIAL GUEST GIANNI CAZZOLA

Possibilità, come sempre, di prenotare per il DINNER IN JAZZ (tavolo per cena e spettacolo) lasciando un messaggio allo 011882939 o sul form apposito del sito internet www.jazzclub.torino.it

Trombone: STEFANO CALCAGNO

Chitarra: MAX GALLO

Organo hammond: NICCOLò CATTANEO

Batteria: special guest GIANNI CAZZOLA

Il quartetto, guidato da Stefano Calcagno, trombonista con una lunga esperienza, in particolare nel campo della musica jazz (collaborazioni con Depiscopo, Zegna, Casati, Torino Jazz Orchestra ecc.), comprende il chitarrista Max Gallo e l’organo hammond di Niccolò Cattaneo. Special guest e inesauribile motore ritmico del gruppo il batterista Gianni Cazzola, uno dei padri della batteria jazz in Italia, ancora oggi dispensatore di swing ed alfiere del più autentico spirito del genere.

La musica,fondata sugli intrecci melodici di trombone e chitarra, spazia dai classici dello swing all’hard bop, al blues, con una dedica particolare ai grandi trombonisti di questo stile.

5 Febbraio 2017

JAM SESSION MANOUCHE: ACCORDI DISACCORDI

La Jam Session Manouche he fa impazzire Torino torna puntuale domenica 5 febbraio. Ad aprire e coordinare il tutto, una volta al mese, il trio torinese Accordi Disaccordi. Ad accompagnarli, questa volta, sarà il giovanissimo e talentuoso trombettista Cesare Mecca.

Chitarra solista: ALESSANDRO DI VIRGILIO

Chitarra ritmica: DARIO BERLUCCHI

Contrabbasso: ELIA LASORSA

Tromba: CESARE MECCA

Dopo la loro apertura, palco libero per chiunque abbia voglia di cimentarsi con gli incalzanti ritmi manouche.
Accordi Disaccordi

Accordi Disaccordi è un progetto italiano molto attivo nel panorama swing nazionale e internazionale.
La band, un trio nato agli inizi del 2012, è composta dai due fondatori Alessandro Di Virgilio e Dario Berlucchi alle chitarre e da Elia Lasorsa al contrabbasso. Il loro genere si orienta su un repertorio gipsy jazz, riproponendo in chiave moderna i classici della migliore musica jazz e manouche degli anni 30.
Allo stesso modo vengono scritti numerosi inediti e riarrangiamenti di alcuni brani più moderni, anche pop e non propriamente jazz, secondo una personalissima interpretazione che loro stessi amano definire “hot Italian swing”, con una continua ispirazione allo stile del celebre chitarrista Django Reinhardt.

4 Febbraio 2017

TASTE OF JAZZ: JOHNNY LAPIO ARCOTE PROJECT

Possibilità, come sempre, di prenotare per il DINNER IN JAZZ (tavolo per cena e spettacolo) lasciando un messaggio allo 011882939 o sul form apposito del sito internet www.jazzclub.torino.it

Presentato in prima assoluta per Taste of Jazz, “Drop Out” è il nuovo progetto dell’ensemble Arcote Project, gruppo attivo in Italia e all’estero dal 2009.

Tromba, composizione, conduction: JOHNNY LAPIO

Sax: GIUSEPPE RICUPERO

Trombone: MARTA ANTOLOVICH

Pianoforte Fender Rhodes: ALESSANDRO CISARò

Contrabbasso: ANTONIO RAIOLA

Batteria: DAVIDE BONO

Il collettivo, fondato dall’eclettico trombettista torinese, che vanta collaborazioni e riconoscimenti di calibro nazionale e internazionale, presenterà un repertorio originale legato alla cosiddetta scena avantguarde, pur sempre con un occhio rivolto al passato. Un’esperienza artistica dalla meta indefinita che pone l’accento, come ogni composizione di Lapio, sugli aspetti percettivi fisici ed emotivi delle sonorità proposte.

2 Febbraio 2017

DANIELE CIUFFREDA ORGAN TRIO

Possibilità, come sempre, di prenotare per il DINNER IN JAZZ (tavolo per cena e spettacolo) lasciando un messaggio allo 011882939 o sul form apposito del sito internet www.jazzclub.torino.it

Chitarra elettrica: DANIELE CIUFFREDA

Organo hammond: ALBERTO MARSICO

Batteria: DANIELE PAVIGNANO

Il progetto, di recente formazione, vuole esaltare il sound storico di questo tipo di organico, grazie alle composizioni originali di Daniele Ciuffreda, ricche di richiami al blues ed alla church music.

Nel repertorio del gruppo, quasi totalmente dedicato alle composizioni originali, viene anche reso omaggio ad alcuni brani presi in prestito dalla tradizione afro – americana.

1 Febbraio 2017

JAM SESSION NIGHT: MARCELLO PICCHIONI TRIO

Possibilità, come sempre, di prenotare per il DINNER IN JAZZ (tavolo per cena e spettacolo) lasciando un messaggio allo 011882939 o sul form apposito del sito internet www.jazzclub.torino.it

Il trio guidato dal pianista Marcello Picchioni apre la nostra jam session.

Pianoforte: MARCELLO PICCHIONI

Contrabbasso: ENRICO CIAMPINI

Batteria: ALESSANDRO MINETTO

Il gruppo attinge a piene mani dal repertorio degli anni d’oro del jazz, in particolare prendendo ispirazione dalle incisioni di pianisti come Kenny Drew, Hampton Hawes, Harold Mabern, Victor Feldman, Cedar Walton ed altri che per svariati motivi sono rimasti leggermente nell’ombra rispetto ai loro colleghi più famosi come, per esempio, Hancock, Peterson, Tyner o Evans. Non per questo, però, il loro contributo alla diffusione e allo sviluppo del linguaggio jazz è stato meno importante ed è proprio ciò che il trio di Picchioni cerca di sottolineare con il suo personale tributo ai pianisti “minori” dell’America anni Cinquanta e Sessanta.

29 Gennaio 2017

JAM SESSION INDAFUNK

Rieccoci, per la prima jam session INDAFUNK dell’anno.

Una volta al mese. Pronti e caldi per la nuova bollente stagione INDAFUNK in compagnia di AfrobeaTorino, che supporta, promuove e realizza progetti legati alla musica nera.

Dicendo INDAFUNK sai cosa intendiamo.
Intendiamo JAM.  
E dicendo JAM diciamo BALLARE.
Si hai capito bene: JAM SESSION PER BALLARE.
E dicendo BALLARE intendiamo SCATENARSI sino a notte fonda a ritmo delle sonorità afrobeat, funk, soul, r&b e acid jazz più groovose che tu possa trovare in città per ricreare le atmosfere delle funky jam afroamericane dove i musicisti che si alternano sul palco suonano e il pubblico balla in completa sintonia e senza nessun distacco.

Se ti suona bene, ti aspettiamo al  Jazz Club Torino.
Con il miglior mood possibile…quello
indafunk!

L’apertura e la chiusura della jam sono affidate alla resident band “Survivor in da funk”, che nasce dall’esperienza di sette musicisti torinesi dopo anni di frequentazioni all’interno della jam session in Da Funk. Questa resident band di “veterani” propone un mix di Funk in puro stile 70’s.

Trombone: ENRICO ALLAVENA

Sax: PAOLO ANGELO PARPAGLIONE

Batteria: CARLO BELLOTTI

Basso: LUCA ROMEO

Percussioni: ROCCO VOTO

Chitarra: SILVIO FERRO

Tastiere: MAX RUMIANO

 

27 Gennaio 2017

LINDY HOP NIGHT FT. DI GENNARO FERIAN CURCIO THE SWING KEEPERS

Possibilità, come sempre, di prenotare per il DINNER IN JAZZ (tavolo per cena e spettacolo) lasciando un messaggio allo 011882939 o sul form apposito del sito internet www.jazzclub.torino.it

Un’altra attesissima Lindy Hop Night, con un’esibizione speciale di jazz roots, il “fratello solista” del genere!

Durante la serata, oltre a scatenarvi al ritmo dello swing, potrete assistere a un grande classico: The Big Apple, routine molto famosa, che sarà eseguita da Chiara Silvestro e gli allievi del corso avanzato di charleston e jazz roots della sua scuola Feel Good Swing.

La routine ha una storia celebre, dal momento che fu coreografata da Frankie Manning, universalmente riconosciuto come l’ambasciatore del Lindy Hop, e performata dalla compagnia di ballo di cui faceva parte, i Whitey’s Lindy Hoppers in una scena del film Keep Punching.

Il jazz roots ha un repertorio di balli swing performati singolarmente invece che in coppia.

Il format, che vanta la migliore musica dal vivo della città, è organizzato in collaborazione con la scuola Feel Good Swing.

La serata sarà animata dal The Swing Keepers, un trio formato da veterani delle Lindy Hop night al Jazz Club Torino.

Pianoforte: SERGIO DI GENNARO

Chitarra: GABRIELE FERIAN

Contrabbasso: LUCA CURCIO

Il trio è composto da Sergio Di Gennaro, pianista dal solido swing che ha suonato in tutte le formazioni Lindy torinesi, dai Rooster alla Gatsby Orchestra, dai Bouncing Cats agli Swing Doctors; Gabriele Ferian, chitarrista dallo swing poderoso ma con molto “bouncing” (The Roosters, The Sopranos, Mad Hatters Boys, Dusty Blaster Jazz), motore pulsante drel gruppo insieme al contrabbassista Luca Curcio, the “time keeper”.

22 Gennaio 2017

ROCKIN’ CLUB! THE HONKERS FT. CLAIRE LA ROUGE

Dopo il successo della prima grande serata, il Jazz Club Torino si trasforma di nuovo in “Rockin’ Club”!

A partire dalle 21,30, ci si tuffa negli anni Quaranta e Cinquanta a suon di hot rock’n’roll e jump blues con gli Honkers Jump blues band.
In quegli anni gli honkers, letteralmente gli “strombazzatori” erano i sassofonisti r&b che infiammavano con i loro assoli il pubblico dei Juke Joints, locali per soli afro-americani al sud degli Stati Uniti. Col tempo divennero famosi anche tra i teenager bianchi e dall’R&B nacque il genere musicale che noi oggi chiamiamo Rock and Roll.
Oltre alla musica, ci saranno stand con bigiotteria, abiti e gadget tipici dei ruggenti anni Cinquanta, per entrare ancora di più nel mood della serata.


h. 21.30 The Honkers live show

h. 23.30 free dancing

THE HONKERS. Jump blues & roots band. Authentic good ol’rhythm sound!

Voce: CLAIRE LA ROUGE

Voce e chitarra: MAX BAJ

Sassofono: DARIO TORTONE

Contrabbasso: GIANLUCA MARTINI

Basso: ANDREA GAVUZZO

Arpa: special guest ANDREA SCAGLIARINI

Gli Honkers sono ribelli, acrobatici, indisciplinati, con la sfrenata e quasi incontrollabile passione per il rhythm & blues e rock & roll della vecchia scuola. Quel vecchio blues marchiato 1940’s e 1950’s che tanto ha insegnato e ancora insegna. Le note jump di T-Bone Walker, Charlie Christian, Pete Lewis, Bill Jennings, Teddy Bunn, Paul Gayten e la voce di Ruth Brown, Etta James, Eunice Levy e Varetta Dillard, sono per il loro “rockin sound” modelli e fonti d’ispirazione, in uno show “old fashion” da guardare e da ballare! Sono dunque gli agguerriti Max Baj, Dario Tortone, Gianluca Martini e Andrea Gavuzzo l’impasto blues e l’equipaggiamento jump ideale che dà supporto alla meravigliosa voce di Claire La Rouge.

Ingresso: up to you

21 Gennaio 2017

TASTE OF JAZZ: MARCO BETTI PRESENTA: ABC JAZZ TRIO

Possibilità, come sempre, di prenotare per il DINNER IN JAZZ (tavolo per cena e spettacolo) lasciando un messaggio allo 011882939 o sul form apposito del sito internet www.jazzclub.torino.it

Pianoforte: DAVIDE CABIDDU

Batteria: MARCO BETTI

Basso: FABIO ARGENTINI

ABC Jazz trio sono Marco Betti, Fabio Argentini e Davide Cabiddu. Insieme dal 2012, si sono esibiti in numerosi locali dell’area milanese, fino alle collaborazioni col prestigioso Blue Note Milano. Il gruppo presenta il meglio della scena hard bop degli anni Cinquata e Sessanta, riproponendo un approccio al jazz che sia insieme intenso, diretto ed energico.