23 Febbraio 2019

Taste of Jazz // THE GUMBOS JAZZ TRIO

the Gumbos
________________________________________
The Gumbos sono un trio jazz che ispirandosi a quello famoso fondato da Jimmy Giuffrè alla fine degli anni ’50, ne raccoglie l’eredità per proporre brani originali freschi ed attuali. La formazione inusuale clarinetto-chitarra-contrabbasso, dalla sonorità calda e avvolgente, cattura il pubblico con le sue ballate romantiche e selvaggi up-tempos.
Nel marzo 2014, the Gumbos, hanno registrato il loro secondo EP ” Original healty recipie”. Il trio ha collaborato inoltre con altri gruppi in alcuni progetti Double Trio: the Mingus Legacy, e diverse swing band. Suona regolarmente nei club più interessanti di Milano e provincia, esibendosi anche all’estero in Germania, Repubblica Ceca, Spagna e Olanda.

Vito Zeno Contrabbasso
Arturo Garra Clarinetti
Francesco Moglia Chitarra

Jazz Trio ORIGINAL SPICE RECIPE 💥

 

🍽🍽 Prenota il tuo tavolo per il DINNER IN JAZZ (cena & spettacolo live) compilando il form sul sito www.jazzclub.torino.it o lasciando un messaggio in segreteria allo 011/882939🍽🍽

 

A seguire, come ogni sabato, Morciano DJSET

26 Gennaio 2017

DOCTOR JAZZ NEW QUARTET

Possibilità, come sempre, di prenotare per il DINNER IN JAZZ (tavolo per cena e spettacolo) lasciando un messaggio allo 011882939 o sul form apposito del sito internet www.jazzclub.torino.it

Sax alto: DANILO PALA

Pianoforte: GUIDO CANAVESE

Contrabbasso: ISABELLA RIZZO

Batteria: GIORGIO DIAFERIA

Il batterista – medico Giorgio Diaferia torna sulla scena jazzistica italiana con una nuova formazione, composta da professionisti del jazz e con un repertorio di standard jazz e l’inserimento di alcuni brani originali, tutti caratterizzati dalla grande notorietà e dalla frequente ed intensa pulsazione. Allievo di Enrico Lucchini, Diaferia ha partecipato a seminari con Bruno Biriaco, Daniel Humair, Al Levit, per poi suonare negli anni Ottanta e Novanta a fianco di musicisti come Bob Porcelli, Johnny Griffin, Art Farmer, Slide Hampton, Tiziana Ghiglioni, Gianni Negro, Piero Leveratto, Flavio Boltro, Aldo Rindone e molti altri, esibendosi in numerosi Jazz Festival Italiani. E’ uno dei quattro fondatori del Consorzio Piemonte Jazz e ha all’attivo il cd “OGM free”.

Danielo Pala, canavese, docente alla Scuola Civica Jazz di Torino e Isabella Rizzo vantano prestigiose collaborazioni professionali con musicisti di fama internazionale.

24 Novembre 2016

ERIC ALEXANDER & PEPPE MEROLLA: “A BEAUTIFUL FRIENDSHIP PROJECT”

Possibilità, come sempre, di prenotare per il DINNER IN JAZZ (tavolo per cena e spettacolo) lasciando un messaggio allo 011882939 o sul form apposito del sito internet www.jazzclub.torino.it

A beautiful friendship project” parte dalla già collaudata collaborazione tra Eric Alexander e Peppe Merolla negli USA. Dopo diversi concerti effettuati in Italia nel 2015, si consolida, tra Peppe Merolla, Daniele Cordisco e Antonio Caps, la volontà di proseguire insieme con un percorso musicale. Scopo del progetto è promuovere un jazz legato al mainstream con influenze di linguaggio che richiamano i contemporeanei newyorkesi, pur restando saldamente radicato nella tradizione hard bop. Il repertorio è composto da composizioni originali dei componenti del gruppo e da brani di importanti autori di capolavori della storia del jazz, con arrangiamenti che ne valorizzano la sonorità.

Sax: ERIC ALEXANDER

Organo: ANTONIO “CAPS”

Chitarra: DANIELE CORDISCO

Batteria: PEPPE MEROLLA

Eric Alexander. Nato come musicista classico, è conosciuto per il suo sofisticato stile hard bop e post-bop.

Nel 1992, quando è uscito il primo cd dell’allora venticinquenne sassofonista, molti critici musicali lo definirono un “giovane leone” e un musicista che avrebbe fatto strada. Quasi venticinque anni e venti cd dopo, Eric Alexander è considerato uno dei migliori sassofonisti al mondo.

Pesantemente influenzato da John Coltrane, Sonny Stitt, Dexter Gordon and George Coleman, Alexander ha collaborato con nomi importanti del jazz, come il pianista di Chicago Harold Mabern, il bassista Ron Carter, il batterista Joseph Farnsworth e il chitarrista Pat Martino.

Prezzo: 10 euro (solo concerto)

                    5 euro di sovrapprezzo per chi fa cena

10 Novembre 2016

MAX GALLO QUARTET

Possibilità, come sempre, di prenotare per il DINNER IN JAZZ (tavolo per cena e spettacolo) lasciando un messaggio allo 011882939 o sul form apposito del sito internet www.jazzclub.torino.it

Chitarra: MAX GALLO

Piano: JACOPO MAZZA

Contrabbasso: GIORGIO ALLARA

Batteria: PIERGIORGIO MARCHESINI

 

Massimo Gallo, nato a Torino, inizia lo studio della chitarra classica negli anni Ottanta, a dodici anni, e si diploma sotto la guida del maestro Daccò in Chitarra Jazz, Armonia, Arrangiamento e Composizione. Ha suonato e collaborato con Luciano Milanese, Gianni Cazzola, Riccardo Zegna , Emanuele Cisi , Felice Reggio , WAlly Allifranchini, Sandro Gibellini, Scott Hamilton , John Riley e altri.

Jacopo Mazza, classe 1987, inizia a suonare all’età di nove anni. Si esibisce in diversi festival ed è insegnante nel Centro Studi Musicali in Svizzera, nel Canton Ticino.

Giorgio Allara ha collaborato con Felice Reggio, Wolly Allifranchini, Paolo Tomelleri, Claudio Capurro, Gianni Cazzola, Alberto Mandarini, Sergio Rigon, Scott Hamilton, John Riley Harold Danco e altri.

Piergiorgio Marchesini ha parteciapato a numerosi festival in Lombardia, Piemonte, Liguria, Svizzera. Dal 1999 al 2001, grazie ai titoli ottenuti al Siena Jazz, ha avuto la possibilità di trasferirsi a New York, dove approfondito lo studio della batteria. Ha suonato al festival jazz Ubud a Bali, in Indonesia, e fatto concerti a Singapore e in Germania.

 

4 Novembre 2016

THE WINDWALKERS

Possibilità, come sempre, di prenotare per il DINNER IN JAZZ (tavolo per cena e spettacolo) lasciando un messaggio allo 011882939 o sul form apposito del sito internet www.jazzclub.torino.it

Percussioni: MARIO MARADEI GONZALES(bandleader)

Batteria: FRANZ EICHBERGER

Basso: NEOPHYTOS STEPHANOU

Piano: LES ARTMANN

Tromba: MARK KING

Sassofoni: FABIAN SCHONE

La band Latin/Jazz tedesca The Windwalkers è formata da sei musicisti provenienti da diversi paesi del mondo (Colombia, Ungheria, Cipro, Germania). Il loro sound è un mix incredibile di jazz, funk, world e latin music, sovrapponendo ritmi cubani e caraibici allo swing caratteristico del jazz.
Hanno realizzato due tour in Germania e due album: “Challenges” (2011), “La Guagua” (2014).
Il terzo lavoro discografico vede la partecipazione speciale del trombonista Joe Gallardo ed è attualmente in fase di uscita.
Si sono aggiudicati il Gran Premio “Bucharest International Competition 2014” ed il “Jazzopen Playground Contest 2014” che gli hanno consentito di suonare nei maggiori festival europei, aprendo numerosi concerti ad H.Hancock e W.Shorter.

 

21 Ottobre 2016

LINDY HOP NIGHT: DON MUSTACHE SWING TRIO!

Possibilità, come sempre, di prenotare per il DINNER IN JAZZ (tavolo per cena e spettacolo) lasciando un messaggio allo 011882939 o sul form apposito del sito internet www.jazzclub.torino.it

Orario: 20 – 22,15 cena con sottofondo live

22,30 – 2 la sala e il palco del club si trasformano nella più rovente pista da ballo della città!

Tolti i tavoli per le cene, i migliori lindy hoppers si alterneranno sul nostro parquet fino a notte fonda con il secondo set live, rivolto esclusivamente al ballo. Ogni mese l’appuntamento è imperdibile, con esibizioni, secret show, routine con maestri internazionali, in collaborazione con l’associazione “Feel Good Swing” di Chiara Silvestro!

Per questa volta, sul nostro palco gli irresistibili Doc Mustache Swing Trio con un grandissimo ospite in esclusiva: DOUBLE G RED!

Line up:
Chitarra: GIANGIACOMO ROSSO
Piano: Sergio Di Gennaro
Contrabbasso: Luca Curcio
Batteria: Alessandro Minetto

NOVITA’: !!! The Wild Swing Challenge !!!

Ladies and gentlemen, preparatevi per una folle serata di social dance senza esclusione di colpi in cui verranno proclamati la migliore e il migliore social dancer on the dance floor.
Chi saranno i più instancabili e socievoli ballerini in città? Chi si aggiudicherà il titolo di King of Swing? E chi sarà incoronata Queen of Swing?
Partecipa alla sfida e conquista la corona!

Manuale d’istruzioni:
Non conta il “livello”, ma l’attitudine da social dancer!
Puoi unirti alla gara dalle 22.30 in poi.
I due migliori social dancer saranno proclamati all’1 circa.
Prima ti unisci e più chances hai di aggiudicarti il titolo e il meritato premio!

 

28 Settembre 2016

JAM SESSION NIGHT: LA BELLEZZA SENZA TEMPO

Una straordinaria jam session del jazz giovane torinese

Possibilità come sempre di prenotare per il DINNER IN JAZZ (tavolo per cena e spettacolo) lasciando un messaggio allo 011882939 o sul form apposito del sito internet www.jazzclub.torino.it

Il palco del Jazz Club Torino si prepara ad ospitare la presentazione del nuovo libro di Mario Parodi, “La bellezza senza tempo”, edito da Neos e incentrato sulla nuova generazione dei giovani jazzisti torinesi. Il palco del locale vedrà l’alternarsi di quasi tutti i 25 jassisti torinesi protagonisti del lavoro di Parodi, mettendo l’accento su una splendida realtà, che per qualità e quantità degli artisti nessun’altra città italiana forse ha avuto la fortuna di avere in questo periodo.

Si potranna quindi applaudire, assieme, naturalmente, all’autore Mario Parodi, musicisti di indubbio valore, dai pianisti Emanuele Francesconi, Tiziana Cappellino, Fabio Giachino, Sergio Di Gennaro e Fabio Gorlier ai sassofonisti Simone Garino, Dario Terzuolo, Jacopo Albini, Giuseppe Ricupero e Gianni Virone, dai contrabbassisti Gian Maria Ferrario, Luca Curcio, Davide Liberti e Michele Millesimo ai chitarristi Gabriele Ferian, Giangiacomo Rosso, Enrico Degani, Alessandro Di Virgilio e Daniele Ciuffreda, dal trombettista Johnny Lapio al batterista Ruben Bellavia, dalla trombonista Marta Antolovich alla violinista Cecile Delzant, dall’hammond di Alberto Gurrisi alla voce di Silvia Carbotti.

Durante la serata Parodi dialogherà con i musicisti e reciterà anche alcune delle sue poesie, scritte live durante i concerti dei 25 artisti ascoltati in 25 diverse location di Torino.

Una grande festa per il jazz torinese, insomma, in cui sarà sottolineato lo stretto e fecondo rapporto fra la città della Mole e la musica afroamericana.