13 Febbraio 2020

BLUES NIGHT! // BigHarp Max ft. Di Gioia family

Il Jazz Club è lieto di invitarvi alla serata blues più calda di Torino! 🔥🔥🔥

BigHarp Max ft. Di Gioia family!

THE BLUES NIGHT 🕺

ON STAGE:
📆 Giovedì 13 febbraio
🕤 21.30
📍 Jazz Club Torino

🍴 🍽 Prenota il tuo tavolo per la BLUES DINNER (cena & spettacolo live) compilando il form sul sito www.jazzclub.torino.it o lasciando un messaggio in segreteria allo 011/882939 🍴🍽

In collaborazione con Feel Good Swing avremo in concerto BigHarp Max & Di Gioia’s family, energico trio composto da Big Harp all’armonica, chitarra e voce, Michelangelo Di Gioia all’organo hammond e Paolo Di Gioia alla batteria.

Sapranno come farvi muovere a ritmo di blues e scaldare la nostra sala in parquet!

24 Marzo 2019

BOOGIE BOMBERS // Power Blues

💥Da 15 anni il blues più caldo di Torino

📆 Dom. 24 Marzo
🕘 Ore 21
📍 Jazz Club Torino

▶ B O O G I E  B O M B E R S

Boris Tabasco 🎙
Joe Tabasco 🎸
Marco Tabasco 🎻
Simuz Tabasco 🥁

Avete davanti uno dei sound più solidi ed esplosivi, nato dai blues e cresciuto nel tempo con l’amore, la rabbia, la passione e tutto quello che serve per arrivare al cuore di chi ascolta.
Qualcuno ha detto che sarebbe un delitto non condividere qualcosa di tanto potente e i Boogie Bombers sono qui per questo.
Per raccontare il nostro tempo e le storie di cui è fatto, per farvici ballare sopra o per liberarvi dai vostri blues quotidiani bombardandoli al ritmo giusto.

🍽 Prenota il tuo tavolo per la BLUES DINNER (cena & spettacolo live) compilando il form sul sito www.jazzclub.torino.it o lasciando un messaggio in segreteria allo 011/882939 🍴🍽

“Il blues è per il jazz ciò che il lievito è per il pane. Senza di esso è piatto.”
Carmen McRae

___________________________________
BOOGIE BOMBERS

Nel 2004 tra le jam sessions dell’underground torinese si incontrano due tra i più giovani musicisti della scena blues locale: l’armonicista e cantante Andrea “Boris” Borasco e il chitarrista Joele “Joe” Musso. Boris scrive i brani mentre Joe ci mette i riffs. Comincia così la storia di un progetto che vede nel corso degli anni cambiare formazione, collaborando con numerosi artisti dell’area torinese e non, tra jam sessions, apparizioni in radio, tv e live.
Dal 2013 la band assume la sua forma attuale, che si consolida tanto da spingere i suoi elementi a scegliere il nome Fratelli Tabasco e, alla maniera dei Ramones, ad assumere nuovi nomi d’arte per rendere evidente il loro legame nella musica e il loro stile power blues esplosivo e piccante. Simone Tabasco, alla batteria ed alle percussioni dalla nascita del gruppo, e Marco Tabasco al basso elettrico completano, definiscono e rifiniscono perfettamente il loro sound. Inizia quindi un lungo tour di concerti attraverso il nord Italia, con cui propongono una ricca scaletta di brani originali e convincono infiammando pubblico e critica ricevendo importanti recensioni positive da radio e stampa del settore. Nel 2015 pubblicano il disco live “Docks Dora Session” ma nel 2017, durante una serie di nuove pubblicazioni di quello che sarebbe stato il loro secondo lavoro “Louder Than Before” sono obbligati a fermarsi a causa di problemi legali dovuti al copyright della parola “tabasco”.
Dopo diversi mesi di assenza dai palchi, senza smettere di produrre nuovo materiale, nell’autunno 2018 la band si ripropone come Boogie Bombers.

22 Febbraio 2019

GOSPEL BOOK REVISITED

“La nuova strada del blues” – Il Giornale

🔊 GOSPEL BOOK REVISITED

“Il nome della band, Gospel Book Revisited, è già una dichiarazione di intenti: schiudere il grosso libro sacro del blues, studiarlo ed esordire con una reinterpretazione fedele solo al proprio gusto, assecondando la propria sensibilità e non ignorando di vivere nella propria epoca.” Rockit

I M P E R D I B I L I

Camilla Maina, 🎙
Umberto Poli, 🎸
Gianfranco Nasso, 🎻
Samuel Napoli, 🥁

Nel nome della band – patrocinata da AZ Blues, Blues Made In Italy e Guitar Club – troviamo le coordinate del progetto. La passione per la musica nera e le sue radici è infatti il connettore di musicisti con percorsi anche molto differenti l’uno dall’altro. La rivisitazione è assunta a metodo, punto d’equilibrio tra filologia e creatività. Il live, evocato dal libro dei canti, è la dimensione privilegiata in cui generosamente dare l’anima, o meglio il soul. In particolare per un gruppo che si ispira alle jam band statunitensi. Dopo il successo dell’ep d’esordio, il fortunato Won’t You Keep Me Wild? (autoproduzione, 2017), i GBR danno alle stampe il loro primo disco dal vivo intitolato Stay Wild (Ultra Sound Records, 2018): un’autentica celebrazione in musica immortalata nel corso di un lungo tour che ha attraversato tutta l’Italia e che conferma il talento di una band giovane ma dal sapore antico; sfrontata ma fedele alle proprie radici; costantemente proiettata al futuro eppure rispettosa di un passato che non smette mai di stupire (e che ha ancora tanto da insegnare).

 

INGRESSO 5 €



SOUL FOOD DINNER 🍽🍽
________________________________________
E’ la cena più musicale della città! Godetevi il nostro menù, ricco di proposte sia moderne che tradizionali, e accomodatevi a due passi dal palcoscenico.

Prenota il tuo tavolo compilando il form sul sito www.jazzclub.torino.it o lasciando un messaggio in segreteria allo 011/882939🍽🍽

tte mai di stupire (e che ha ancora tanto da insegnare).

20 Febbraio 2019

Blues Night // BIG HARP ft. DI GIOIA FAMILY


BigHarp Max ft. Di Gioia family!

THE BLUES NIGHT 🕺

🍴 🍽 Prenota il tuo tavolo per la BLUES DINNER (cena & spettacolo live) compilando il form sul sito www.jazzclub.torino.it o lasciando un messaggio in segreteria allo 011/882939 🍴🍽

In collaborazione con Feel Good Swing avremo in concerto BigHarp Max & Di Gioia’s family, energico trio composto da Big Harp all’armonica, chitarra e voce, Michelangelo Di Gioia all’organo hammond e Paolo Di Gioia alla batteria.

Sapranno come farvi muovere a ritmo di blues e scaldare la nostra sala in parquet!

6 Febbraio 2019

Alla ricerca del blues // LUCIO VILLANI & MARCO PANDOLFI

Un concerto alla ricerca del #blues, notturno, silenzioso, scavato tra pieni e vuoti, tra l’essenzialità del contrabbasso, le due voci, l’armonica e la chitarra.

Marco Pandolfi – voce, chitarra, armonica
Pur essendo uno degli armonicisti più richiesti, da diversi anni si esibisce soprattutto suonando chitarra e armonica contemporaneamente.
Ha rappresentato l’Italia per due volte all’International Blues Challenge di Memphis, TN (US) – nel 2006 con la propria band Marco Pandolfi & The Jacknives e nel 2011 nella categoria “Solo” – e una volta nel 2014 all’European Blues Challenge a Riga in Lettonia.
E’ stato invitato a suonare in importanti festival negli Stati Uniti dove ha anche avuto l’occasione di registrare. In tour più volte in Europa, ha collaborato con alcuni dei maggiori musicisti blues a livello mondiale. Ha all’attivo sei dischi a suo nome e numerose partecipazioni nelle incisioni di colleghi italiani e stranieri.

www.marcopandolfi.com

Lucio – contrabbasso, voce
Si diploma al conservatorio di S. Cecilia in Roma sotto la guida di Massimo Giorgi. Negli anni è presente nei maggiori festival musicali europei al fianco di numerosi musicisti tra cui: Junior Watson, Sugar Ray Norcia, Lynwood Slim, Luke Winslow-King, Mitch Woods, Sax Gordon Beadle, Marco Pandolfi, Enrico Crivellaro, Fapy Lafertin, Lollo Meier. Nel 2010 fonda “Orchestra Cocò”, trio manouche in cui canta e suona e con il quale attraversa tutta l’europa. Pubblica per Felmay: “Passepartout” (2012), “Hot Club” (2013), “Voyager 2011” (2014), “Christmas Favourites” (2015), “Nightbreed” (2017), “Django!” (in uscita 2019).

www.luciovillani.com

 

🍽🍽 Prenota il tuo tavolo per la BLUES DINNER (cena & spettacolo live) compilando il form sul sito www.jazzclub.torino.it o lasciando un messaggio in segreteria allo 011/882939🍽🍽

2 Settembre 2016

MARCELLO PICCHIONI TRIO: MONTY ALEXANDER TRIBUTE

(Possibilità di prenotare per cena lasciando un messaggio allo 011882939 o sull’apposito form qui sul sito).

 

Piano: MARCELLO PICCHIONI

Contrabbasso: ENRICO CIAMPINI

Batteria ALESSANDRO MINETTO

Il trio nasce dall’esigenza di Picchioni di omaggiare il primo tra i suoi idoli: il pianista Monty Alexander.

Giamaicano di nascita, influenzato da artisti come Oscar Peterson, Erroll Garner, Winton Kelly e Ahmad Jamal, Monty Alexander sviluppa un linguaggio che fonde l’allegria e la spensieratezza delle proprie origini con il boucing tipico dello swing più sfrenato. Il risultato è un vasto vocabolario bebop che non dimentica mai un’intenzione blues-soul pronta a intervenire anche nei momenti più struggenti del discorso musicale.

Monty, assieme a musicisti del calibro di Ray Brown, Jeff Hamilton, Milt Jackson, John Clayton, dà vita ad alcune delle formazioni più indimenticabili della storia della musica afroamericana, contribuendo col suo frizzante fraseggio carico di swing a un sound unico, perfetto ponte tra passato e futuro del jazz.

Picchioni, per ritrovare quell’atmosfera tipica, collabora di due professionisti dello swing, che conoscono bene quel sound, quel repertorio e quel “modo” di divertirsi suonando: Alessandro Minetto alla batteria ed Enrico Ciampini al contrabbasso.